Illuminazione‎ > ‎

Vetreria VISTOSI


nome:   CRISTALLINA

cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2017

Sospensione declinata in due varianti dimensionali (piccola/grande) da sospendere a confronto in infinite composizioni (isolate o in gruppo, a cascata random oppure in linea). 
Entrambi i diffusori a campana aperta, mantengono come tratto accomunante e distintivo la medesima bombatura sulla sommità, predisposta proprio per aderire sulla montatura a semicalotta che sembra lasciare la propria impronta nella sagoma del vetro.
La scelta di soffiare i vetri con la tecnica dello sfumato alla Veneziana (nel tradizionale bianco, nell'inedito nero e nel nuova ed esclusiva metallizzazione a specchio) conferisce unicità ad ogni elemento e concorre a dare personalità alla collezione.
Inoltre, questa caratteristica sfumatura, permette di lasciare intravedere nella parte trasparente superiore la componente tecnica del progetto (non la solita lampadina a bulbo) bensì un disco di luce prodotto da un modulo LED ad alta efficienza. 
Ne consegue che il fascio luminoso emesso, allargandosi verso il basso colpisce ed intercetta la fascia bianca sui vetri, ne illumina il profilo per poi irradiarsi e diffondersi uniformemente nell'ambiente rivelando, in tutte le 3 finiture, una ottima resa luminosa. 
 
 
 




Direttamente dal nuovo catalogo di presentazione delle novità 2017 di VISTOSI, 
la collezione PUPPET nella versione Rain. I globi declinati in tre dimensioni crescenti vengono raggruppati in scenografiche calate random, ora disponibili, 
oltre al consueto fumè, al giallo topazio e al bianco sfumato, anche nel luminosissimo cristallo trasparente affinato dai maestri vetrai della Vistosi.






nome:   PUPPET
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:   2015 - 2017 

Chandelier contemporaneo dall'estetica flessibile e leggera. Le varie sfere in vetro soffiato possono essere spostate e movimentate secondo schemi e altezze sempre differenti. La configurazione definitiva del lampadario può quindi essere modificata arbitrariamente dall'utente finale, passando dalla dinamica ed esplosiva versione random a quelle più classiche con pianta regolare, disponendo i globi luminosi lungo precise linee circolari o secondo geometrie poligonali, assecondando sempre il gusto e le necessità dell'acquirente. 
La particolare lavorazione del vetro, nell'inedita lavorazione a 7 costolature con passo irregolare impresse durante la fase di soffiatura a bocca, scompone la possibilità di abbaglio e proietta nell'ambiente infiniti riflessi, soprattutto a plafone dove si genera l'intreccio di inesauribili accenti di luce.

 
 
  






nome:   ARAL
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:   2015

Collezione ad anelli luminosi sovrapposti, equipaggiati con strip led e incastonati da numerosi cristalli esagonali di vetro sfaccettato a cuspide tagliati con water jet che emanano nell'ambiente accenti di luce e delicati riflessi. Giocando sulla differente sequenza dei tre diametri disponibili è possibile configurare sospensioni a gruppo o a colonna più o meno serrate o dilatate nello spazio.

 



 

Ad Euroluce 2017 viene presentato ufficialmente l'ampliamento di gamma della collezione scalando e stilizzando il precedente chandelier nelle nuove versioni della sospensione singola e piccola, insieme al nuovo candelabro da tavolo e alla versione a piantana. 
Molteplici le possibili applicazioni, sia in ambito domestico che nel settore del contract alberghiero, resta invariato il fascino della sofisticata lavorazione in cristallo rigadin (sia trasparente che in bianco opale).

 

 



nome:   NOVECENTO
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2013 / 2017

Riproposizione dello storico chandelier a bracci attraverso il tracciamento della sua silhouette esternagenerata dalla rotazione a 360° del lampadario sulla mazza centrale, all'interno del quale andare a riporre l'anima tecnica del progetto, (l'asta centrale con raggiera a sei bracci dotati di portalampada E14 LED). Un “guscio di cristallo” declinato in tonalità trasparenti, protegge e al contempo esibisce la sequenza dei suoi tradizionali componenti: corone, palchi, cimieri, bracci, coppe, pendagli e finalini che si susseguono minuziosamente lungo la linea di contorno del vetro, senza mai arrivare ad essere palesemente manifestati.


 
 






nome:   CLOTH
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:   2009

Questa collezione intende conferire al sapiente atto della soffiatura a fermo del vetro una nuova veste sorprendentemente morbida e sinuosa andando a riprodurre la modellazione irregolare della balza di un paralume in tessuto plissettato. Anche la finitura in bianco satinato concorre a rimarcare l'effetto tessile del diffusore. Il carattere innovativo della collezione è inoltre riconducibile all'esclusiva finitura argentata a specchio su interno bianco lucido con la particolarità di cambiare tonalità in fase di accensione: la consistenza metallica del paralume cromato da spento, quando viene accesa, svanisce progressivamente per vestirsi di un rassicurante e caldo color tortora.
 
 







nome:   24 PEARLS
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:   2009

Elegante sospensione dall'ampio segno ad anello cavo ispirato al un doppio filo di perle inanellate e sospeso in orizzontale. Il volume complessivo è ottenuto infilando quasi a contatto un primo giro di sfere soffiate in bianco lattimo, ciascuna ospitante la rispettiva sorgente alogena (perle luminose), al quale viene abbinato un secondo anello di perle più piccole in vetro argentato, che oltre a occultarne la montatura, conferisce alla sospensione infiniti riflessi e preziosi riverberi. La medesima sospensione, disponibile anche nella versione LED, è declinabile in accostamenti da due o tre anelli complanari affiancati, per ambientazioni ancora più scenografiche.

                                                                                              
 






nome:   BOREALE
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:   2009

Sospensione sferica bicolore, ottenuta da due semicalotte speculari, una bianca l'altra in cristallo accoppiate su se stesse a ricomporne l'unità. L'impatto estetico, semplice e puro, del paralume sferico nasconde però un disegno oculato della sezione dei vetri costituenti. Il corpo superiore in bianco opale giace in semplice appoggio sul vetro sottostante e oltre a occultare la sorgente luminosa funge da diffusore. La lampadina è infatti ospitata nel collo di soffiatura del vetro portante inferiore che risale verso l'alto per agganciare il portalampada senza dover ricorrere all'ausilio di alcuna montatura metallica.


    





nome:   LUMERINA
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2009

Collezione garbata e dalle linee classicheggianti, il diffusore troncoconico si ispira ad un tradizionale paralume a nastro fasciato, reinterpretato nel gusto Vistosi dall'accostamento inclinato di preziose canne di murrine tirate a mano dai maestri vetrai a riecheggiare l'equilibrio di pieni e vuoti propri dei paralumi plissè. La lavorazione manuale delle “molature” applicata alla base di ciascuna canna (occhi ad anelli concentrici), valorizza la stratigrafia del vetro e rende ogni pezzo esclusivo e straordinariamente unico.


                                                                                                      photo: Romani Saccani





nome:   CLAMP
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2007

Sospensione dal corpo diffusore cilindrico dotato, sul collo superiore, di due innesti diametralmente opposti atti a agevolare il fissaggio della sorgente alogena lineare R7S posta trasversalmente. I due becchi integrati nello sviluppo del paralume, sono stati realizzati grazie alla particolare soffiatura “a pozzetto” proprio per alloggiare la montatura metallica che risulta occultata dal vetro proposto nelle neutre tonalità del bianco satinato, del sabbia e del grigio.



                                                                                                      photo: Romani Saccani




nome:   COCUMIS
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2007

La collezione Cocumis trae ispirazione dalle forme morbide ed allungate che in botanica popolano il mondo delle cucubritacee (zucche utilizzate spesso anche per scopi ornamentali). Il suo profilo ellittico risulta fortemente connotante ed è associato ad un grosso collo dove è alloggiata la sorgente luminosa. Questo collo, nella versione applique, si fa elemento strutturale integrato al corpo diffusore e diventa lo sbraccio che permette di staccare il diffusore dalla parete e di farlo percepire come “sospeso”. Sul volume è poi stato appicato un secondo taglio sul fondo che consente alla luce di uscire in maniera diretta e radente sulla parete e di valorizzare l'interno incamiciato bianco del vetro.


 

 






nome:   DIADEMA KING
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2007

Naturale integrazione della fortunata collezione DIADEMA che prevede nuove composizioni over-size a doppio anello e per questo associate al sostantivo "King". Particolarmente rivolte al settore del contract e dell’hospitality per allestimenti dal forte impatto estetico-emotivo con volumi di importanti dimensioni e scenografiche superfici in canne di vetro pieno retroilluminate.


photo: Romani Saccani






anno: 2006
menzione ADI DESIGN INDEX '06 tra i progetti selezionati alla XXI Ed. Comapasso d'Oro







nome:   DIADEMA
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2005

Inedita interpretazione dell’utilizzo della canna di vetro indagando le sue potenzialità espressive in merito all'elevata conduttività del vetro pieno colpito dal fascio luminoso. Sulla montatura a corona in acciaio vengono punzonate una serie di molle che pinzano ad una ad una le numerose canne di vetro per configurare un prezioso cilindro di cristallo, estremamente luminoso. Particolare attenzione è stata riposta nella sfrangiatura dei lembi del paralume, le filiformi canne di vetro si susseguono lungo tutta la circonferenza alternandosi secondo tre lunghezze crescenti, quasi fossero i getti energici di una cascata di vetro e luce. La collezione, con le sue versioni standard si presenta come sistema completo ed estremamente flessibile, personalizzabile in diverse misure, anche custom e consente di soddisfare applicazioni ed allestimenti pressoché infiniti.

 




nome:   ENNE LUCI
cliente: Vetreria VISTOSI
anno:    2005

All'origine della collezione ENNELUCI risiede la volontà di rendere omaggio, attraverso l'uso del vetro soffiato a bocca, all'archetipo della lampada a campana di memoria industriale. Ricalcando le linee storiche del paralume in alluminio tornito della lampada con braccio a morsetto eposta a illuminare i tecnigrafi degli uffici tecnici, si è ottenuto un paralume analogo, non più coprente bensì bianco e luminoso, realizzato in vetro “a giro” che oltre alla luce diretta aggiunge una gradevole emissione di luce diffusa nell'ambiente.


Comments